Dave Lowry

Lo spirito delle arti marziali

Ed. Mondatori

Pagine 140

“Il colpo viene eseguito con uno strappo indietro, poi verso il basso, seguito da un movimento verso l’alto, rapido e appena accennato, simile a un colpo di frusta.”, così insegna una vecchia pergamena.

Un’altra riferendosi allo stato mentale ideale suggerisce: “i petali di un fiore che cadono senza produrre rumore sul muschio, un suono che dev’essere udito nelle profondità di una montagna”.

Il primo commento si riferisce all’arte della calligrafia, il secondo a quella della spada.

Lowry raggiunge attraverso l’analisi di quarantadue kanji il cuore semantico delle arti marziali. Un testo fondamentale per chiarire termini troppo spesso abusati.

Alcuni dei kanji presi in esame: Do-La via, Bu-Marziale, Ki-Energia, Shin-La  mente, Hyoshi-La scelta di tempo, Ju-La cedevolezza, Kamae-Posizione di combattimento, Rei-Etichetta, Omote/Ura-Esterno/Interno.