Keiko Fukuda

Nipote di un samurai e ultima allieva ancora in vita del fondatore del judo, è morta a San Francisco, due mesi prima di compiere i cento anni. Alta un metro e 47 centimetri, Fukuda nel 2011 aveva ottenuto il grado di Dan (cintura nera) di decimo livello, unica donna al mondo e unica persona negli Stati Uniti ad avere raggiunto questo riconoscimento.

 

Dopo il suo trasferimento negli Usa, la judoka gestiva il Soko Joshi Judo Club per donne, dove ha continuato a praticare fino a qualche anno fa, mentre ultimamente dirigeva le sue assistenti stando sulla sedia a rotelle. Fukuda era nata a Tokyo il 12 aprile 1913 in una famiglia aristocratica. Suo nonno era il samurai che insegnò le arti marziali a Jigoro Kano, il creatore dello judo. Invece di dedicarsi alle discipline consuete per le ragazze giapponesi di buona famiglia, Fukuda consacrò la sua vita al judo come è raccontato in un documentario su di lei intitolato “Mrs Judo”. “Questo è stato il mio matrimonio”, disse Fukuda e fu proprio così visto che in Giappone alle insegnanti di judo non era consentito sposarsi e lei non volle mai abbandonare lo sport. Il suo motto era: “Sii forte, sii gentile, sii bella”

 

La Repubblica 18/02/2013